Consegna in 24/48h - Spedizione gratuita per ordini superiori ai 100€

La Nuova Multistrada V4

La prima tecnologia radar anteriore e posteriore al mondo: Ducati annuncia l’ingresso in produzione di Multistrada V4.

Siamo emozionati: a Borgo Panigale inizia la produzione della Multistrada v4. Dovremo aspettare fino al prossimo 4 novembre per la presentazione ufficiale ma, intanto, possiamo goderci le anticipazioni. Più che di un nuovo modello, si tratta del più alto livello di innovazione.

Il primo al mondo a disporre di una tecnologia radar anteriore e posteriore. Guardiamola più da vicino.

Per la quarta generazione di Multistrada, Ducati ha sviluppato un nuovo motore V4, leggero e compatto, pensato per soddisfare le esigenze richieste nell’utilizzo “adventouring” senza tralasciare l’emozione e la sportività. La completa riprogettazione ha permesso di raggiungere intervalli di manutenzione da primato assoluto per il mondo delle due ruote. Tutti i dettagli di questo nuovo motore saranno svelati il prossimo 15 ottobre.

E adesso il pezzo forte. Il radar posizionato nella parte anteriore del veicolo controlla il funzionamento del cruise control adattivo (denominato ACC, Adaptive Cruise Control) che per mezzo di frenate ed accelerazioni controllate regola automaticamente la distanza (selezionabile su quattro livelli) dagli altri veicoli quando si guida ad una velocità compresa fra 30 e 160 km/h. Questo sistema, di derivazione automobilistica, è stato evoluto e sviluppato in funzione della dinamica e dell’ergonomia di un mezzo a due ruote. In particolare l’autorità del sistema di decelerare e accelerare è stata limitata, in modo da assicurare al pilota di poter mantenere il controllo costante del mezzo in ogni situazione. Il sistema permette una guida più confortevole, in particolare nelle lunghe percorrenze autostradali.

Il radar posteriore è, invece, in grado di rilevare e segnalare i veicoli posizionati nel cosiddetto angolo cieco di visuale (blind spot), ovvero l’area non visibile né direttamente dal pilota né tramite lo specchio retrovisore. Il sistema segnala anche il sopraggiungere da dietro di veicoli a velocità elevata (così detto BSD, Blind Spot Detection).

A sottolineare la valenza tecnico-scientifica del progetto di ricerca, svolto congiuntamente da ingegneri Ducati e ricercatori e tesisti del Politecnico di Milano, è stata depositata, nel maggio 2017, una domanda di brevetto inerente agli algoritmi di controllo di tale sistema. A giugno 2017 è stata invece presentata una Pubblicazione Scientifica in occasione del IEEE – Intelligent Vehicles Symposium (IV) a Redondo Beach, California.

Tutti i dettagli di questo nuovo motore saranno svelati il prossimo 15 ottobre. Nel frattempo, occhio a non perdere nessuna anticipazione!